Granulometro Laser

Fondi: Progetto MaTeRia

Categoria: Granulometro a diffrazione laser per la determinazione della curva granulometrica

Range:  10 nm – 3.5 mm

Principio di Funzionamento:

Il principio della tecnica a diffrazione laser (LD) è che la particella di assegnata dimensione diffran- ge la luce secondo un dato angolo. L’angolo di diffrazione è inversamente proporzionale alla di- mensione della particella e l’intensità del raggio diffratto con un dato angolo è una misura del nu- mero di particelle aventi una determinata area della sezione trasversale presentì lungo la traiettoria del raggio. Un fascio di luce monocromatica attraversa la sospensione contenuta in una cella e la luce diffratta è focalizzata su alcuni ricevitori. Per calcolare la dimensione della particella a partire dall’intensità della luce registrata dagli elementi ricevitori possono essere utilizzati o il modello di diffrazione di Fraunhofer o la teoria di Mie.

Procedura operativa per il corretto funzionamento dello strumento:

  1. Accendere lo strumento ed attendere ca. 30 minuti affinché la sorgente laser raggiunga la temperatura di regime da cui dipende la lunghezza d’onda della radiazione emessa;
  2. Inserire in un matraccio alto e stretto il disperdente (acqua distillata o alcol etilico) ed attivare la pompa;
  3. Controllare l’indicatore di radiazione della sorgente luminosa  percepita dai detector (>75%) e l’andamento del Background. Il Background deve: assumere forma iperbolica, quindi pre- sentare picchi sui primi detector; l’intensità dei primi detector deve essere sotto le 100 U.M. ed in corrispondenza del ventesimo detector l’intensità deve essere sotto le 20 U.M.;
  4. Misurare il Background e verificare a lettura ultimata il suo andamento random (positivo e negativo senza blocchi), un background anomalo indica la presenza di bolle d’aria nella cella che è possibile eliminare mediante la procedura di pulizia;
  5. Impostare i parametri richiesti nella apposita sezione Measure Sample (es. tipologia di disper- dente, metodo matematico di analisi, livello di oscuramento, numero di letture, sfasamento tra letture successive etc.)
  6. Introdurre il campione da analizzare fino al raggiungimento del livello di oscuramento desi- derato da visualizzare a monitor su apposito indicatore di livello;
  7. Raggiunto l’oscuramento desiderato lanciare la misura;
  8. Analisi dei dati.