DINCI

Commissione paritetica

COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI

L’articolo 2, comma 2, lettera g), della Legge n. 240/2010 prevede che le Commissioni paritetiche docenti-studenti siano competenti “a svolgere attività di monitoraggio dell’offerta formativa e della qualità della didattica nonché dell’attività di servizio agli studenti da parte dei professori e dei ricercatori; ad individuare indicatori per la valutazione dei risultati delle stesse; a formulare pareri sull’attivazione e la soppressione di corsi di studio”.

Ai sensi dell’articolo 13 del D.Lgs. n. 19/2012, nell’ambito delle attività di monitoraggio dell’offerta formativa, della qualità della didattica e dell’attività di servizio agli studenti, individuate dalla succitata L. n. 240/2010, le Commissioni paritetiche docenti-studenti hanno il compito di:

  1. formulare proposte al Nucleo di Valutazione per il miglioramento della qualità e dell’efficacia delle strutture didattiche;
  2. svolgere attività divulgativa delle politiche di qualità dell’Ateneo nei confronti degli studenti;
  3. monitorare gli indicatori che misurano il grado di raggiungimento degli obiettivi della didattica a livello di singole strutture.

Le Commissioni paritetiche redigono annualmente una relazione che contiene il resoconto delle attività di cui alle lettere a), b) e c).

Inoltre, le Commissioni paritetiche sono chiamate a esprimere parere per l’accreditamento iniziale dei Corsi di Studio, per le modifiche di ordinamento dei Corsi di Studio già accreditati, per la programmazione didattica dei Dipartimenti.

Infine, l’art. 13, comma 4, del Regolamento Didattico di Ateneo stabilisce che “Le disposizioni dei regolamenti didattici dei Corsi di Studio concernenti la coerenza tra i crediti assegnati alle attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati sono deliberate dai Dipartimenti, previo parere favorevole delle Commissioni didattiche paritetiche docenti-studenti”.

Sin dalla sua istituzione, il Dipartimento di Ingegneria Civile ha demandato buona parte delle attività di monitoraggio e valutazione delle attività didattiche e di monitoraggio e valutazione complessiva dell’offerta formativa e della qualità della didattica dei CdS afferenti al Dipartimento ai Gruppi di Gestione AiQ dei CdS.

La Relazione annuale, per ciascun CdS, prende in considerazione il complesso dell’offerta formativa, con particolare riferimento agli esiti della rilevazione dell’opinione degli studenti. Nello specifico la CPds conduce analisi e formula proposte in merito a:

  • funzioni e competenze richieste dalle prospettive occupazionali e di sviluppo personale e professionale, tenuto conto delle esigenze del sistema economico e produttivo;
    (il progetto del corso di studio ha mantenuto la dovuta attenzione alle funzioni e competenze richieste dalle prospettive occupazionali e di sviluppo personale e professionale individuate tenuto conto delle esigenze del sistema economico e produttivo)
  • efficacia dei risultati di apprendimento attesi in relazione alle funzioni e competenze di riferimento (coerenza tra le attività formative programmate e gli specifici obiettivi formativi programmati);
    (i risultati di apprendimento attesi sono efficaci in relazione alle funzioni e competenze di riferimento)
  • materiali e ausili didattici, laboratori, aule, attrezzatture, in relazione al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento al livello desiderato;
    (i materiali e gli ausili didattici, i laboratori, le aule, le attrezzature, sono efficaci per raggiungere gli obiettivi di apprendimento al livello considerato)
  • validità dei metodi di accertamento delle conoscenze e abilità acquisite dagli studenti in relazione ai risultati di apprendimento attesi;
    (i metodi di esame consentono di accertare correttamente i risultati ottenuti in relazione ai risultati di apprendimento attesi)
  • completezza ed efficacia della Scheda di Monitoraggio Annuale del Corso di Studio;
    (al Monitoraggio annualee al Riesame ciclico conseguono efficaci interventi correttivi sui corsi di studio)
  • gestione e utilizzo dei questionari relativi alla soddisfazione degli studenti;
    (i questionari relativi alla soddisfazione degli studenti sono efficacemente gestiti, analizzati, utilizzati)
  • effettiva disponibilità e correttezza delle informazioni fornite nelle parti pubbliche della SUA-CdS.
    (l’Ateneo rende effettivamente disponibili agli studenti – presenti e futuri, ai laureati e ad altri portatori di interesse, mediante una pubblicazione regolare delle parti pubbliche della SUA-CdS, informazioni aggiornate, imparziali, obiettive, quantitative e qualitative su ciascun corso di studio offerto).

La CPds, di norma nel mese di novembre/dicembre di ogni anno, incontra gli studenti iscritti ai CdS del Dipartimento. Le finalità di tali incontri sono quelle di illustrare i compiti e le funzioni attribuiti dalla normativa alle Commissioni paritetiche docenti-studenti e al Presidio della Qualità di Ateneo, di sottolineare l’importanza della rilevazione dell’opinione degli studenti (indagine ISO-Did), di analizzare una sintesi dei risultati dei questionari degli anni precedenti, di raccogliere eventuali segnalazioni. Gli incontri rappresentato un importante momento di confronto tra tutte le parti attive – studenti, docenti, personale tecnico-amministrativo – nei processi formativi, finalizzato alla divulgazione delle politiche di qualità dell’Ateneo e al miglioramento della qualità della didattica e dei servizi didattici dei CdS del Dipartimento.

Composizione CPds

Relazioni annuali

Verbali